SENTENZA

Uccise l'ex compagna, condannato a 18 anni un leonfortese

di

ENNA. Per i giudici è colpevole, oltre ogni ragionevole dubbio, di un barbaro delitto. Al quarantottenne leonfortese Giuseppe Chiavetta non è bastato negare sempre tutto e non far trovare il cadavere della sua ex, la povera immigrata romena Violeta Coriou di 35 anni, per evitare la condanna.

La Corte di Cassazione si è pronunciata accogliendo definitivamente la tesi della Procura - l' inchiesta fu aperta a Nicosia e poi passò per competenza a Enna dopo l' accorpamento dei due uffici - e dei carabinieri del nucleo investigativo provinciale, che, assieme alla Sezione per le investigazioni scientifiche del comando provinciale, ha trovato prove schiaccianti. Chiavetta prende 18 anni di carcere, pena a dir poco mite ottenuta dai suoi avvocati, penalisti leonfortesi Ones Benin tende e Damiana La Delfa, dalla Corte di appello di Caltanissetta, che oggi passa in giudicato.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X