TRIBUNALE

"Violentava la figlia disabile della compagna": arrestato respinge le accuse

di

ENNA. Ha negato ogni addebito, respingendo l' accusa di aver abusato sessualmente della figlioletta diciassettenne, disabile, della sua compagna, una mattina di dicembre. Eppure l' uomo, di cui non sono state fornite le generalità per non rendere identificabile la vittima - una ragazzina che vive in una comunità -, resta in carcere per violenza sessuale. Lo ha deciso il Gip Luisa Maria Bruno, al termine dell' interrogatorio di garanzia, che si è svolto al carcere di Enna.

Secondo l' accusa, dopo aver accompagnato alla Posta la sua convivente, sarebbe rimasto da solo con la sua figlioletta e l' avrebbe violentata, minacciandola affinché non rivelasse a nessuno ciò che era acca duto. L' indagine è stata condotta dai carabinieri della compagnia di Enna. A carico dell' uomo, però, ci sono le dichiarazioni della persona offesa, che è stata sentita nel corso di un incidente probatorio. Adesso la difesa dell' indagato dovrà decidere se presentare o meno ricorso al Tribunale del Riesame.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X