AMMINISTRAZIONE

Rifiuti ad Enna, ricorso per evitare i licenziamenti

di

ENNA. Un ricorso per non licenziare i dipendenti della Srr e per non interrompere, al tempo stesso, il servizio di raccolta dei rifiuti in tutti i Comuni della provincia di Enna. È quanto ha deciso la Srr di Enna nel corso dell’ultima assemblea dei soci, al termine della quale è stato deliberato, a maggioranza, di dare mandato al collegio di liquidazione per impugnare la sentenza del giudice del lavoro del Tribunale di Enna che dichiarava illegittima la delibera con la quale veniva disposto il passaggio di 429 dipendenti da Sicilia Ambiente all’Ato EnnaEuno.

L’obiettivo che si prefigge di raggiungere la Srr è quello di «evitare – come ha spiegato Armando Glorioso, presidente della società oltre che sindaco di Nissoria – che si blocchi il servizio in tutta la provincia, non potendosi consumare tutti i passaggi necessari al nuovo sistema dei rifiuti entro il 15 di gennaio». Problema al quale, poi, se ne aggiungerebbero anche altri. A cominciare dal dover procedere al licenziamento, in tronco, di tutti gli amministrativi, fino al dover caricare gli operativi alle ditte incaricate dalle varie ordinanze comunali, le quali, a quel punto, si renderebbero necessarie.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X