TRIBUNALE

Valguarnera, dissequestrati i beni dell'imprenditore Coci

di

VALGUARNERA. Il Tribunale di Enna ordina la restituzione dei beni, per un valore di 700 mila euro, a Giuseppe Coci, imprenditore agricolo di 48 anni, valguarnerese ma originario di Tortorici, in provincia di Messinese, ritenuto vicino al clan dei Batanesi e coinvolto nel 2004 nell’operazione “Strike”. Le proprietà erano state poste sotto sequestro dalla Dia lo scorso marzo. Ma ora il Tribunale penale ennese, presieduto da Francesco Paolo Pitarresi, giudici a latere Tigano e Agate, stabilisce che i beni di Coci provengono dalla sua attività di agricoltore e dagli aiuti comunitari ricevuti negli anni. Nulla, dunque, di riconducibile ad attività illegali. I giudici hanno accolto in toto la tesi sostenuta dal difensore di Coci, il penalista Antonio Impellizzeri, ordinando l’immediata restituzione dei beni al legittimo proprietario.

Per gli inquirenti, Coci era “contiguo” alla famiglia tortoriciana di Cosa Nostra, operante nel Messinese, benché l’unico precedente risalga all’operazione Strike, in cui fu condannato per associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO L'ARTICOLO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X