MIGRANTI

In viaggio da Roma a Piazza Armerina, due rifugiati: obbligati a stare in fondo

di

PIAZZA ARMERINA. Salgono sul pullman che da Roma deve riportarli in Sicilia e l’autista li fa sedere in fondo per non farli «mischiare» coi bianchi.

A raccontarlo sono due giovani, dei 50, accolti nello Sprar, centro di richiedenti asilo, di Piazza Armerina gestito dall’associazione Don Bosco 2000.

Modì Diawara, 23 anni del Mali, in Italia da 3 anni collabora con la Don Bosco come mediatore culturale, e Hassan Ibrahim, 19 anni del Sudan, in Italia da 2 anni.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X