ENNA

«Abusi dal compagno della madre», no a una nuova perizia

di

ENNA. È presto per dire se i giudici abbiano ritenuto, o meno, attendibile il suo racconto. Sta di fatto che Maria, la diciassettenne che ha denunciato e fatto arrestare per violenza sessuale il compagno della madre, 57 anni, un operaio della provincia di Enna, potrà finalmente mettersi questa storia dietro le spalle.

Il Tribunale di Enna, infatti, ha deciso che la ragazza non dovrà essere più interrogata né esaminata dagli psicologi, perché ciò che è stato fatto nell’ambito dell’inchiesta, ovvero gli incontri con i consulenti delle parti e l’interrogatorio in modalità protetta, sono ritenuti più che sufficienti. È stata respinta, dunque, la richiesta di effettuare una perizia collegiale, che era stata formulata dall’avvocato dell’operaio, e il processo si chiude qui. A settembre è prevista la sentenza.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X