OPERAZIONE CAPOLINEA

Le mani della mafia sulla fibra ottica: clan di Enna e Catania, sei arresti

ENNA. Imponevano il pagamento del pizzo a un imprenditore che sta effettuando i lavori di posa della fibra ottica. La squadra mobile di Enna in collaborazione con quella di Catania, nell'ambito di un'operazione denominata "Capolinea", ha arrestato sei persone nell'ambito dell'operazione denominata Capolinea.

In manette sono finiti esponenti della famiglia mafiosa di Enna e dei clan catanesi Santapaola-Ercolano e Cappello-Bonaccorsi, che avrebbero imposto il pagamento del pizzo a un imprenditore ennese che svolgeva lavori nel Siracusano e Catanese e in alcuni quartieri del capoluogo etneo.

Gli arrestati sono Calogero Giuseppe Balsamo, detto "Pippo Balsamo", 68 anni di Catania; Salvatore La Delia, 67 anni, di Enna; Eduardo Mazza, 46 anni, di Enna, Antonio Salvatore Medda, 44 anni, nato ad Enna, residente a Catania; Angelo Tomaselli, 52 anni, di Catania; Antonio Privitelli, 34 anni, nato a Caltagirone, residente a Nicolosi.

L'ordinanza d'arresto è stata emessa dal Gip di Caltanissetta, su richiesta del pm Roberto Condorelli, titolare dell'indagine, della Procura distrettuale antimafia nissena.

Secondo gli inquirenti l'interesse di Cosa nostra ennese è tuttora rivolto alle estorsioni. L'anello di congiunzione tra le famiglie di Enna e Catania sarebbe stato proprio l'ennese La Delia, già condannato per mafia, che assunto, dall'imprenditore vittima, avrebbe permesso a quest'ultimo di effettuare lavori in alcune zone del catanese e del siracusano governati dai clan "Santapaola-Ercolano" e quello dei "Cappello-Bonaccorsi".

Sarebbe stato sempre La Delia, al quale l'imprenditore si rivolgeva per qualsiasi problema che avveniva nei cantieri, a consigliargli di "mettersi a posto" pagando il pizzo che andava da 600 a 8 mila euro.

Sarebbero stati i referenti della mafia catanese, in accordo con un esponente della famiglia di Enna, a convincere l'imprenditore a sottostare all'estorsione e non sporgere alcuna denuncia. L'estorsione sarebbe proseguita se non fosse stata bloccata dall'arresto degli indagati che avevano già prospettato azioni violente qualora la vittima dell'estorsione non avesse pagato.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X