L'OMICIDIO

Ipotesi lite per un lavoro dietro la morte del fabbro a Piazza Armerina

di
omicidio piazza armerina, Enna, Cronaca
Enrico Coco

Quei lavori a casa di suo figlio, a suo dire, erano andati troppo per le lunghe e in più non erano stati fatti neppure a regola d’arte. Sarebbe iniziata per questo, attorno alle 18,30 di mercoledì, l’accesa discussione nel corso della quale Mario Grillo, operaio cinquantaduenne di Piazza Armerina, avrebbe ferito mortalmente, con una coltellata alla coscia che ha reciso l’arteria femorale, il fabbro quarantottenne Enrico Coco.

È eccessivo, forse, parlare di un movente del delitto, perché non è ancora chiaro se effettivamente l’operaio, colpendolo, avesse intenzione di togliere la vita a Coco, ma va detto che l’ipotesi di reato, al momento, è «omicidio volontario». I fatti, insomma, secondo i poliziotti, sarebbero andati così.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X