stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Nicosia, 59 anni fa l'omicidio del magistrato Giannola
IL RICORDO

Nicosia, 59 anni fa l'omicidio del magistrato Giannola

nicosia, Antonino Giannola, Enna, Archivio

In ricordo del magistrato Antonino Giannola c'è un busto e una piazza a Nicosia, paese in provincia di Enna, ultima sua sede di lavoro. E portano il suo nome anche vie a Partinico e Alcamo. Da oggi c'è anche una quercia a suo nome - tra altre 27 - piantate sulla collina di Gerusalemme dove vengono ricordati i magistrati italiani uccisi dal dopoguerra in poi. E il suo nome figura da quasi un anno nell’elenco «Le rose spezzate» dell’Anm che raccoglie i nomi dei magistrati italiani morti in servizio.

La storia di Antonino Giannola, vittima del dovere, ma a cui non spettò nessun risarcimento poichè la norma lo prevedeva per i fatti accaduti dopo il gennaio 1961, merita di essere raccontata a 59 anni dal suo omicidio.

Una storia dimenticata, lontana dai riflettori per troppo tempo. Forse anche per questo nella piazza della Memoria del Tribunale di Palermo - dove Giannola fu giudice a latere in Corte d’assise - il suo nome non figura, ma ci starebbe, eccome. «Volevo uccidere la giustizia», urlò l’omicida quel 26 gennaio 1960, e uccise a colpi di pistola il primo magistrato che gli venne a tiro: il palermitano Antonino Giannola, 54 anni, presidente del Tribunale di Nicosia.
Era «innamorato» del Diritto il giudice Giannola, sposato e padre di tre figli - Silvano, Isabella e Italo - tutti e tre allora adolescenti. Un delitto che fece clamore all’epoca, anche per l’esito giudiziario: l’assassino infatti fu assolto perchè ritenuto incapace di intendere e di volere. (AGI)

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X