AMBIENTE

Sostanze organiche tossiche nel torrente: Sos nel Vallone

di

PIETRAPERZIA. Grave inquinamento nelle acque del torrente Vallone di Calo. Lo segnale il professore Edoardo Bartolotta direttore della Riserva Riserva Naturale Orientata Monte Capodarso e Valle dell'Imera meridionale, che chiede anche la bonifica del sito. «Nelle acque del Torrente Calo - scrive Bartolotta - sono presenti sostanze organiche tossiche per la flora microbica non patogena e per la fauna ittica del fiume, e sostanze organiche sintetiche non facilmente biodegradabili. Tale fenomeno è così elevato da superare la capacità auto depurante del corso d'acqua».

La sua lettera è indirizzata Alla Procura della Repubblica di Enna, Alla Prefettura, All'Ispettorato Ripartimentale delle Foreste, Al Libero Consorzio Comunale ex Provincia Regionale, All'Arpa, All'Azienda Sanitaria Provinciale tutti di Enna. Destinatario dellalettera di Edoardo Bartolotta anche L'Assessorato Regionale Territorio e Ambiente Dipartimento Regionale dell'Ambiente di Palermo. «Nel recente passato, in seguito a svariate segnalazioni il sito - scrive ancora Bartolotta - è stato oggetto di ispezione da parte del Servizio Territoriale di Enna, dell'ARTA - Assessorato Regionale Territorio e Ambiente - Sicilia e dal personale del Distaccamento del Corpo Forestale di Pietraperzia.

 

ALTRE NOTIZIE NELL'EDIZIONE DI ENNA DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X