stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca "Droga ad Agira", chiesti sette rinvii a giudizio
OPERAZIONE NICKNAME

"Droga ad Agira", chiesti sette rinvii a giudizio

di

AGIRA. La Dda di Caltanissetta ha chiesto sette rinvii a giudizio per associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga, nel secondo filone dell'inchiesta Nickname, condotta dal commissariato di polizia di Leonforte, che ha già portato a ventisette condanne e numerosi patteggiamenti. La richiesta è del pm Roberto Condorelli.

L'udienza preliminare è fissata per il prossimo 10 novembre, dinanzi al gup David Salvucci. Tra gli indagati c'è pure la moglie di Pietro Cuccia, presunto capo di uno dei due gruppi di spacciatori che vendevano marijuana e cocaina nel circondario, condannato in appello.
È una vera e propria operazione «Nickname bis», un seguito di quella con cui i poliziotti, diretti dalla Dda, hanno sgominato due organizzazioni che smerciavano erba e cocaina, facendo base ad Agira, pure a Leonforte, Assoro, Nissoria e altri paesi del circondario. Gli indagati sono la signora Franca Amoruso, 35 anni, moglie di Cuccia, difesa dall'avvocato Orazio Spalletta, accusata di associazione finalizzata al traffico di marijuana, nel gruppo che sarebbe stato capeggiato dal marito.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X