stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Barrafranca, la morte di Ferreri: I Ris riesamineranno i reperti
IL CASO

Barrafranca, la morte di Ferreri: I Ris riesamineranno i reperti

di

BARRAFRANCA. I carabinieri del Ris di Messina dovranno esaminare nuovamente, usando le innovative tecnologie di cui sono in possesso, i reperti sequestrati sulla scena dell’omicidio del piccolo Francesco Ferreri, il tredicenne ucciso a Barrafranca il 16 dicembre 2005, un assassinio tuttora irrisolto. Si andrà in cerca di tracce, presumibilmente, in tutti i reperti, dagli indumenti della vittima fino all’arma del delitto, rinvenuta in un abbeveratoio a breve distanza dalla zona dove fu trovato il corpo. L’atto rientra in un’inchiesta bis, che vede il nome di un giovane barrese iscritto sul registro degli indagati.

All’epoca era minorenne e per questo procede la magistratura minorile di Caltanissetta, diretta dal Procuratore Laura Vaccaro. Il ragazzo è difeso dall’avvocato Gaetano Giunta del foro di Catania, ieri presente nella sede del Ris. Secondo le poche indiscrezioni trapelate, si cercherà di sfruttare tutti i progressi, enormi, fatti dalla ricerca scientifica di tipo biologico in questi anni, possibilmente tornando a caccia del dna dell’assassino, che non è mai stato scoperto. Ma oggi gli strumenti sono più innovativi. Il lavoro è lungo e complesso. Difficilmente potrebbe trapelare qualcosa finché gli investigatori non individueranno elementi definitivi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X