INTIMIDAZIONE

Spari all’auto del comandante dei carabinieri di Pietraperzia

di

PIETRAPERZIA. Inquietante avvertimento ai carabinieri della caserma di Pietraperzia. Qualcuno ha sparato con un fucile caricato a pallini verso la macchina del maresciallo capo Giuseppe Castrovilli, 37 anni. Il giovane sottufficiale comanda la stazione di Pietraperzia da un anno e mezzo. La sua auto, una Citroen Xsara Picasso, era posteggiata all’interno del cortiletto antistante la caserma, e alcuni pallini hanno centrato il finestrino nel lato del guidatore, rompendolo e danneggiando lievemente anche la carrozzeria. Il danno dunque non sarebbe elevato, ma è un episodio che desta preoccupazione, perché rivolto a un esponente delle istituzioni e nei confronti dell’Istituzione stessa dell’Arma dei carabinieri.

Il grave atto intimidatorio è avvenuto nella notte tra il 26 e il 27 dicembre scorso. Durante la notte nessuno ha visto o sentito nulla e nessuno ha dato l’allarme – forse perché il rumore dello sparo deve essersi mimetizzato tra i tanti mortaretti che vengono esplosi per la fine dell’anno – tant’è che solo domenica mattina il maresciallo stesso, andando a prendere la macchina attorno alle 9,30, si è accorto di quanto era accaduto.
E per questo ieri mattina si è svolta in Prefettura una riunione tecnica di coordinamento delle forze di polizia, a cui hanno partecipato i vertici delle Forze dell’Ordine.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X