stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Svolta al processo sulla nuova mafia ennese
TRIBUNALE

Svolta al processo sulla nuova mafia ennese

di

ENNA. "Dopo essere uscito dal carcere incontrai Sebastiano Gurgone e lui mi disse che oltre a Giancarlo, a Enna, (nell'organizzazione mafiosa, ndr.) c'era pure un certo Salvatore. Ma da queste foto non lo riconosco". Così il pentito di Catenanuova Nino Mavica, ha deposto ieri al processo a carico di Giancarlo Amaradio, 37 anni, "storico" picciotto di Cosa Nostra divenuto boss a metà anni Duemila, e di Salvatore Gesualdo, ennese di 33 anni, assistente della Polizia penitenziaria incensurato, che risponde per la prima volta di associazione mafiosa.

La deposizione del collaboratore di giustizia è arrivata ieri mattina dinanzi ai giudici del Tribunale collegiale di Enna, presieduto da Francesco Paolo Pitarresi, a latere Alessandra Maira e Marco Minnella. Da dietro un paravento, Mavica ha risposto alle domande del Pm Roberto Condorelli e degli avvocati Giovanni Palermo, difensore di Amaradio, e Michele Baldi, che difende Gesualdo. Ma i suoi resoconti non hanno convinto i difensori, che lo hanno sottoposto a un autentico fuoco di fila di domande, evidenziando presunte incongruenze, come quando Mavica descrive Gesualdo come un uomo "sui quarantacinque, con i capelli brizzolati", mentre nel periodo in cui sostiene di averlo conosciuto, l'imputato aveva solo 25 anni e i capelli nerissimi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X