IL CASO

"Fedelissimo del boss sta male": lascia il carcere e torna a casa a Leonforte

di
leonforte, mafia, mafia leonforte, Enna, Cronaca
Giuseppe Arcaria

LEONFORTE. È ritenuto uno dei referenti della cellula leonfortese di Cosa nostra, uno dei due che, assieme a Salvatore Oglialoro, per la polizia rispondeva direttamente a «zio Turiddu» Seminara, incontrastato boss provinciale. Ma le gravi condizioni di salute di Giuseppe Arcaria, 47 anni, ragioni di cui si sa poco per motivi di tutela della privacy, sarebbero incompatibili con il carcere.

E per questo «Pino mafia», come tutti lo chiamano in paese, ha lasciato la sua cella ed è tornato a casa. Lo ha deciso il Tribunale del Riesame, che ha accolto l’istanza presentata dagli avvocati Giulio Magnifico e Ignazio Maccarrone.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X