TRIBUNALE

Enna, in sette alla sbarra per l'estorsione a un imprenditore
 

di

Avrebbero taglieggiato un imprenditore. Questa l'accusa mossa nei confronti di Calogero Giuseppe Balsamo, detto «Pippo Balsamo», 68 anni di Catania, e degli ennesi Salvatore La Delia, 67 anni, e Eduardo Mazza, 46 anni, Antonio Salvatore Medda, 44 anni, nato ad Enna e residente a Catania, Angelo Tomaselli, 52 anni di Catania, Antonio Privitelli, 34 anni, nato a Caltagirone e residente a Nicolosi, Filippo Scalogna catanese di 58 anni.

Le difese degli imputati, tranne quella di Privitelli, hanno reiterato la richiesta di riti alternativi che non vennero concessi nel corso dell'udienza preliminare e a cui il pm Roberto Condorelli si è opposto anche ieri. Si tornerà in aula a metà maggio.

Ieri il processo, che vede l'imprenditore taglieggiato costituito parte civile con l'avvocato Giovanni Palermo, si è aperto dinanzi al Tribunale di Enna, in composizione collegiale, presidente Francesco Paolo Pitarresi, a latere Andrea Agate ed Erina Cirrincione.

L’articolo nell’edizione della Sicilia Orientale del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X