stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Nicosia, la Curia dona respiratore per il reparto Semintensivo
DAL GDS IN EDICOLA

Nicosia, la Curia dona respiratore per il reparto Semintensivo

di

Ad Agira il primo decesso da quando sono partiti i contagi da coronavirus nel territorio ennese. È una ottantenne che era ricoverata all'ospedale di Leonforte. Alla donna il tampone è stato effettuato dopo la morte.

Intanto mentre i casi accertati al momento sono 8, di cui 6 ricoverati all'Umberto I di Enna e 2 in isolamento a casa, si è saputo ieri pomeriggio di un nicosiano, che abita nella frazione di Villadoro, che è ricoverato a Catania e che è risultato positivo al tampone. Proprio a Nicosia sono partiti i lavori per fare partire, entro l'inizio della prossima settimana, 4 posti di terapia semintensiva e la Curia di Nicosia ha dato la disponibilità per acquistare un respiratore a servizio della struttura. Si tratta di macchine che hanno un costo tra i 15 e i 20 mila euro.

Per domani si aspettano gli esiti di altri tamponi fra cui quello di un giovane nicosiano. «Mi sono sottoposto volontariamente al tampone, in quanto - racconta il trentaquattrenne che è isolato a casa - sono rientrato da zone con alto tasso di contagi e quindi ho ritenuto di farlo per salvaguardare la salute di amici, parenti, clienti e tutti coloro che ogni giorno hanno a che fare con me».

L'articolo nell'edizione di Enna del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X