stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Riciclaggio internazionale, sgominata organizzazione nell'Ennese

Riciclaggio internazionale, sgominata organizzazione nell'Ennese

riciclaggio, Enna, Cronaca

Operazione «Offshore cash» della Guardia di finanza di Enna contro un’organizzazione criminale specializzata in false fatturazioni e riciclaggio. Le fiamme gialle hanno dato esecuzione a un provvedimento di sequestro emesso dal gip di Enna, nell’ambito di una indagine, con proiezioni internazionali, coordinata dalla procura diretta dal procuratore Massimo Palmieri.

Ai quattro indagati, interessati da perquisizioni personali, domiciliari e locali, sono stati contestati, a vario titolo, delitti di riciclaggio internazionale, autoriciclaggio, associazione a delinquere, emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. Ricostruito un giro d’affari milionario.

La mente dell’organizzazione è stata individuata dalle fiamme gialle della Tenenza di Nicosia, in un commercialista di Mistretta (Messina), già noto alle cronache giudiziarie per numerosi precedenti specifici, supportato, tra l’altro, da un imprenditore con una propria società operante nel settore delle costruzioni, con sede a Sant'Agata di Militello.

L’attività investigativa, coordinata dai sostituti procuratori Stefania Leonte e Francesco Lo Gerfo, ha permesso di accertare le attività di false fatturazioni e successivo riciclaggio su scala internazionale con il fine ultimo di schermare l’origine criminale dei proventi illeciti. Scoperto un vortice di fatture false e bonifici in transito sui conti di una società cartiera riconducibile a un imprenditore residente a Nicosia, con precedenti specifici, del settore della distribuzione di gasolio agricolo e amministratore di diverse società già in passato oggetto di attenzione da parte delle fiamme gialle ennesi: creava fittizie posizioni finanziarie al fine di ripulire centinaia di migliaia di euro mediante complesse operazioni di riciclaggio su conti correnti di istituti bancari maltesi e spagnoli. I capitali illeciti così trasferiti all’estero, anche con il concorso di un’altra indagata di Nicosia, venivano infine fatti rientrare in Italia attraverso una serie di movimentazioni.

Per ricostruire il flusso di denaro trasferito all’estero, è stata importante la cooperazione internazionale con le autorità maltesi e spagnole anche attraverso il II Reparto del Comando generale della Guardia di finanza. Il giro d’affari ricostruito dagli inquirenti ammonta a circa un milione di euro e oltre al sequestro penale dei profitti illeciti e alle varie contestazioni fiscali, sono al vaglio dei finanzieri ennesi ulteriori responsabilità e complicità sul territorio nazionale ed estero che potrebbero sfociare in altri provvedimenti cautelari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X