stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Violenza sessuale nell'Ennese, il parroco rimane ai domiciliari. Accuse tra la diocesi e la famiglia della vittima
POLEMICHE

Violenza sessuale nell'Ennese, il parroco rimane ai domiciliari. Accuse tra la diocesi e la famiglia della vittima

Rimane ai domiciliari don Giuseppe Rugolo, il sacerdote di Enna arrestato il 27 aprile scorso a Ferrara, dopo l’inchiesta della Procura di Enna, con l’accusa di violenza sessuale aggravata a danni di minori. Il Tribunale del Riesame ha dichiarato inammissibile la richiesta di scarcerazione presentata dai difensori, Antonino Lizio e Denis Lovison.

Rugolo è ai domiciliari nel seminario di Ferrara, città dove era stato trasferito nell’ottobre del 2019 dal vescovo della Diocesi di Piazza Armerina. Dopo la denuncia all’autorità ecclesiastica di un giovane e le conclusioni del Tribunale ecclesiastico, gli atti erano stati inviati in Vaticano, alla Congregazione della Fede, che aveva dichiarato la propria incompetenza perché le violenze sarebbero avvenute quando Rugolo era seminarista.

"La ricerca della verità e della giustizia, la tutela delle vittime di ogni eventuale reato e la custodia della comunità dei credenti che ne stanno condividendo la sofferenza sono sempre state e restano le priorità di Mons. Gisana, animato dal desiderio che la Chiesa assicuri sempre la massima trasparenza sul proprio operato". Lo scrivono in un comunicato Gabriele Cantaro e Maria Teresa Montalbano, i legali nominati dal vescovo Di Piazza Armerina nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Enna. "Sin dalla prima richiesta di colloquio da parte della famiglia, fatta pervenire al Vescovo da parte di un sacerdote della Diocesi nell’agosto 2016, Mons. Gisana si è immediatamente dichiarato disponibile ad ogni forma di ascolto e valutazione", spiegano gli avvocati Montalbano e Cantaro che ribadiscono inoltre con fermezza che "nessuna offerta di denaro è stata effettuata dal Vescovo al giovane coinvolto, così come ancora falsamente si continua ad insinuare, mentre numerose sono state al contrario le pressioni ricevute da Mons. Gisana da parte dell’avvocato della famiglia per ottenere del denaro".

"Mons. Gisana - concludono gli avvocati - ha operato sempre in modo chiaro e per il bene delle persone coinvolte, consegnando immediatamente tutti i documenti alla Procura della Repubblica di Enna, nel cui operato il Vescovo continua a confidare, esprimendo la propria massima fiducia nei percorsi della giustizia".

Poco dopo, arriva la replica dell’avvocato Eleanna Parasiliti Molica, legale del giovane che ha denunciato don Giuseppe Rugolo: "Le gravi inesattezze e i generici riferimenti contenuti nel comunicato stampa, diramato dalla diocesi di Piazza Armerina, che contiene oltre le dichiarazioni del Vescovo Rosario Gisana anche quelle dei due legali Gabriele Cantaro e Maria Teresa Montalbano, mi impongono, mio malgrado, di replicare affermando che, essendo stata nominata dalla vittima solo per quanto attiene alla vicenda penale, non ho mai intrattenuto rapporti con la Diocesi di Piazza Armerina e, meno che mai, con il Vescovo Gisana".

"A fronte delle gravi risultanze processuali che emergono dell’ordinanza firmata dal Gip - prosegue il legale -, un diverso contegno della diocesi sarebbe stato utile nel cammino di riabilitazione dell’immagine. Non seguirò, certo, la diocesi e i suoi difensori sul terreno delle provocazioni. La vittima e la sua famiglia annunciano che intraprenderanno tutte le azioni volte a censurare il contenuto diffamatorio e calunnioso contenuto nella nota della diocesi".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X