stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia di Leonforte, chiesti 115 anni di carcere per 14 imputati
INCHIIESTA CAPUT SILENTE

Mafia di Leonforte, chiesti 115 anni di carcere per 14 imputati

Centoquindici anni di reclusione è la richiesta del Pm della Dda di Caltanissetta, Claudia Pasciuti per i quattordici imputati del processo Caput Silente. Alla sbarra, dinanzi al Gup di Caltanissetta Santi Bologna, il clan di Cosa Nostra di Leonforte assieme a presunti fiancheggiatori, fornitori di droga, spacciatori e uomini del pizzo.

Da chiarire, alla prossima udienza, la posizione di altri quattro imputati, catanesi. Le pene maggiori sono state chieste proprio per i leonfortesi che sono accusati di associazione a delinquere di stampo mafioso, i fratelli Alex e Saimon Fiorenza, lo zio Salvatore Mauceri e il loro amico Gaetano Cocuzza. Per il trentanovenne Alex «u stilista» il pm ha chiesti 11 anni e 4 mesi, per il fratello trentasettenne Saimon «u bufalu» 11 anni 1 mese 20 giorni, per il trentaquattrenne Cocuzza 12 anni 8 mesi e per Salvatore Mauceri 10 anni 1 mese e dieci giorni. Tra i 18 imputati, per reati minori, ci sono anche dei giovanissimi ed uno storico della mafia ennese, Salvatore La Delia, imputato perché avrebbe chiesto il pizzo a un imprenditore leonfortese che ottenne appalti in alcune scuole di Enna e Piazza Armerina. Per La Delia sono stati chiesti 4 anni e 2.667 euro di multa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X