stampa
Dimensione testo
DITTAINO

«Dirottati» i milioni per Pasquasia

di
Regalbuto: «L’Italkali ne aveva previsti 250 per l’estrazione e la trasformazione della kainite»

PASQUASIA. «L'Italkali ha un progetto di oltre 250 milioni di euro per l'estrazione e la trasformazione della kainite, che era previsto per Pasquasia (la miniera di Enna chiusa negli anni '90, ndr.) ma è stato dirottato su Realmonte, nell'Agrigentino, vista la situazione stagnante in provincia di Enna». Lo ha detto il presidente della commissione per le miniere dismesse dell'Unione Province Giuseppe Regalbuto, a cui i dirigenti di Italkali avrebbero confermato «l'interesse per il sito di Pasquasia, che ancora rappresenta il più grande giacimento europeo, con potenzialità di lavoro e sviluppo per tutta la Sicilia e per tutto il comparto minerario nazionale». Inoltre sarebbe possibile, dagli scarti della kainite, valorizzare anche il magnesio metallico, prodotto «ricercato a livello mondiale».

L'ex consigliere provinciale di Barrafranca ne ha parlato a margine della diffusione della notizia su quanto preoccupante sia in Sicilia l'incidenza dei mesoteliomi: i materiali contenenti amianto presenti a Pasquasia e in altre miniere dismesse dell'Isola, secondo lui, potrebbero essere tra le cause dell'allarme per i decessi dovuti a questa malattia.

 

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X