DAL GDS IN EDICOLA

Barrafranca, cercasi fondi per i beni confiscati
 

di
barrafranca, beni confiscati, fabio accardi, Enna, Economia
Il sindaco di Barrafranca Fabio Accardi

Il Comune di Barrafranca aderisce al partenariato finalizzato alla partecipazione al bando per la valorizzazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata ed assegna, per la durata di dieci anni, un immobile alla cooperativa Asmida ed all'associazione Don Bosco, al fine di partecipare al bando.

Al Comune, nel 2014, è stato assegnato un bene sequestrato e confiscato, in viale della Pace con l'amministrazione che, poi, si è anche fatta carico dei lavori di ristrutturazione con l'obiettivo di realizzare una casa di accoglienza per donne vittima di violenza.

Quindi, le fondazioni con il Sud e Peppino Vismara hanno emanato il bando per la valorizzazione dei beni confiscati alle mafie, che ha la finalità di valorizzare i beni confiscati con iniziative sensibili nel tempo di natura sociale, culturale ed economica, in grado di contribuire allo sviluppo socio-economico del territorio circostante. Subito dopo, poi, la cooperativa Asmida e l'associazione Don Bosco 2000, hanno predisposto il progetto “Beteya” che si prefigge di creare laboratori formativi per donne vittima di violenza.

L'articolo nell'edizione della Sicilia orientale del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X