Dislivello pericoloso tra le carreggiate Lavori allo svincolo della bretella di Pietraperzia

PIETRAPERZIA.  Lo svincolo della bretella Pietraperzia - Caltanissetta Agrigento, statale 560 era in pessimo stato. Un gradone tra le due semicarreggiate, all'ingresso della cittadina del castello Barresio, rendeva molto difficoltoso il transito. Ora il Comune è intervenuto con lavori di rattoppi e bitumatura. Gli interventi sono stati effettuati dopo l'ordinanza del sindaco Enzo Emma. Impegnati tremila e duecento euro di fondi comunali. I lavori sono stati eseguiti dall'impresa pietrina Giuseppe e Patrizio Posata. A coordinare i lavori era presente l'assessore comunale alla Viabilità Salvatore Di Calogero.
A regolamentare il traffico veicolare, a quell'ora molto intenso, sono stati gli ispettori superiori di Polizia Municipale Liborio Miccichè e Lillo Russo coordinati dal vicecomandante Gino Stringi. Il transito dei veicoli in entrata a Pietraperzia e in uscita dal paese si è svolto a senso unico alternato. Il pezzo di strada sistemato con strati di bitume era diventato molto pericoloso. Infatti il dislivello tra le due metà della carreggiata costringeva gli autoveicoli al transito a senso unico alternato. Il problema svincolo si trascina da diversi anni.
Il problema si è aggravato nell'autunno inverno 2011. I nubifragi di quel periodo avevano provocato un abbassamento del livello stradale con relativo cedimento di parte della carreggiata. La questione svincolo della bretella era stata inserita nel piano di programmazione Anas ma finora non si è fatto niente. Del problema si sono occupati anche dei movimenti politici tra cui i 5 stelle. Ma finora non si era fatto niente di concreto tranne alcuni incontri svolti all'Anas di Palermo l'estate scorsa.
L'arteria viene percorsa ogni giorno da centinaia di automezzi. L'assessore Salvatore Di Calogero dichiara: «L'intervento del Comune per evitare che la stagione delle piogge che sta per arrivare possa aggravare la situazione e portare lo svincolo ad una situazione di degrado tale che potrebbe impedirne il transito. Il Comune si è accollato tale impegno finanziario, nonostante i profondi periodi di difficoltà economiche, per non interrompere le comunicazioni tra la Valle dei Templi di Agrigento e la Villa Romana del Casale di Piazza Armerina. L'ingresso di Pietraperzia è infatti una importantissima via di accesso e di collegamento fra tali due direttrici turistiche».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati