LIBERO CONSORZIO

Provincia di Enna nel caos: dipendenti in agitazione

di
Ieri la decisione, a seguito dell’incontro di mercoledì con Baccei. Dai deputati Alloro, Lantieri e Venturino l’impegno per aprire subito il tavolo delle trattative

ENNA. I dipendenti della Provincia hanno dichiarato lo stato di agitazione a conclusione di una partecipatissima assemblea che si è tenuta ieri mattina nella sala del consiglio. La preoccupazione è salita alle stelle dopo le ultime notizie venute fuori dalla riunione di mercoledì quando una delegazione ennese ha incontrato l’assessore regionale all'Economia, Alessandro Baccei. In buona sostanza nessun aiuto o modifica dell’attuale decisione può essere richiesta al governo Renzi se la Regione non approva la riforma degli enti intermedi.

Ieri mattina il direttore generale, Graziella Morreale, e i due dirigenti Gioacchino Guarrera e Luigi Scavuzzo, hanno illustrato all’assemblea dei dipendenti la situazione attuale che si presenta veramente nera. Il 31 maggio il governo pretende un rimborso di 3 milioni e 300 mila euro dalla Provincia. Senza questa somma l’ente non può neppure pensare di chiudere il bilancio di previsione. E sarebbe poco se, sempre il governo Renzi, non volesse a regime e in tre anni la restituzione di 9 milioni e 900 mila euro. Una cifra enorme da prelevare su un bilancio che oggi si ipotizza di circa 17 milioni di euro, dove almeno 13 milioni di euro servono per pagare gli stipendi del personale.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X