TRIBUNALE

Abusi sessuali e tentato omicidio, l'ex amante ha un malore in aula ad Enna

ENNA. La sua ex amante romena, che lo accusa di violenza sessuale e di aver tentato di strangolarla, si è sentita male in aula e ha avuto l’autorizzazione di tornare a casa. E questo nonostante fosse stata accompagnata in udienza dai carabinieri, perché non si era presentate alle due precedenti a causa di un disguido. Ma è entrato nel vivo lo stesso il processo a carico di G.A., operatore socio-sanitario poco più che cinquantenne di Enna, difeso dagli avvocati Antonio Impellizzeri e Carmelo Lombardo.

L’imputato, come detto, risponde dei due reati, ma anche di esercizio abusivo della professione medica, perché avrebbe somministrato dei farmaci alla romena pur non avendone i titoli (per la difesa si trattava solo di una comunissima fisiologica, una flebo di quelle che si trovano in farmacia, niente per cui occorresse la prescrizione di un medico). È accusato poi di aver utilizzato degli oggetti dell’ospedale. In aula è stato comunque il giorno della deposizione di un investigatore della Questura, che ha riferito dell’intervento degli agenti dopo che l’imputato avrebbe aggredito la donna. La presunta persona offesa, che si è costituita parte civile in aula, assistita dall’avvocato Edoardo Bonasera. Il teste ha risposto alle domande del Pm Francesco Rio e delle parti.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X