COMUNE

Polemiche a Piazza Armerina: "Il crollo è stato strumentalizzato"

di
«Dalla prossima settimana sarà pronto un progetto di consolidamento, messa in sicurezza e riqualificazione dell’area»

PIAZZA ARMERINA. L’amministrazione comunale messa sotto accusa per il crollo del grande muro di contenimento sotto la chiesa del Carmine che domenica sera ha trascinato giù anche due automobili parcheggiate, per fortuna senza conducenti e passeggeri. Da più parti viene puntato l'indice sul Comune e sulle segnalazioni verbali relative ad avvallamenti e micro-dissesti nella zona a monte del crollo, in piazza Sottosanti e nella pavimentazione adiacente al versante collassato.

L'inchiesta della Procura di Enna va avanti proprio per individuare le cause del crollo ed eventuali responsabilità penali. Ma intanto politicamente il clima è già surriscaldato, mentre il 25 maggio tutta la delicata vicenda finirà in consiglio comunale.
Sala delle Luci da parte sua non ci sta e replica a muso duro ad alcuni attacchi ricevuti. «Si sta mettendo in atto un miserevole tentativo di sfruttare la tragedia, fortunatamente solo sfiorata, per trarre vantaggi populistici e di visibilità», dice il sindaco Filippo Miroddi, il quale parla di «linciaggio politico».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X