LA VERTENZA

Provincia di Enna, il dramma dei precari: la solidarietà del vescovo Gisana

di
Stamattina, a partire dalle 9.30, un sit-in dei dipendenti che rischiano di perdere il loro lavoro

ENNA. Per i dipendenti della Provincia che si stanno ritrovando a vivere se non un incubo ma una grave crisi tra l'altro difficile a comprendere e che mette a rischio il loro posto di lavoro arriva in soccorso un particolare «sindacalista».
Infatti oggi intorno alle 12.30 dovrebbe arrivare a portare loro solidarietà e sostegno morale, il vescovo della Diocesi di Piazza Armerina Rosario Gisana. Una presenza la sua dal forte significato etico sociale ed emotivo in perfetta linea con la nuova «politica vaticana» avviata da papa Bergoglio, sempre molto attento ai problemi della società.

Ma intanto la mattina odierna si aprirà alle 9.30 con il sit In dei dipendenti organizzato tra l'altro in contemporanea in tutte e 9 la Province isolane, davanti la Prefettura, indetto dalle segreterie regionali del Pubblico impiego di Cgil, Cisl e Uil in collaborazione con il coordinamento regionale delle Rsu delle 9 Province di tutta l'isola. Al termine della manifestazione una delegazione dei dipendenti accompagnati dai segretari provinciali di categoria di Cgil Giovanni La Valle, Cisl Nino D'Alia e Gaetano Salerno e Uil Giuseppe Adamo, si recheranno dal Prefetto cui consegneranno un documento cui fanno presente la grave situazione venutasi a creare con la soppressione delle Province regionali cui però non è seguito nulla di alternativo con numerosi ed importanti servizi erogati da questi enti ed oggi messi in discussione.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X