RITORNO A CASA

Piazza, Calcagno: «Andrò ai funerali di Failla»

di

ENNA. «Andrò ai funerali di Salvatore Failla, a Carlentini». Filippo Calcagno, 65 anni, l’ex ostaggio rimasto per otto mesi in mano ad una banda armata di criminali in Libia insieme ad altri tre colleghi, solo a parlarne si emoziona, le parole escono ancora a fatica. Troverà le forze nei prossimi giorni per affrontare forse il momento più difficile da quando ha fatto rientro a casa, quello dell’estremo saluto allo sfortunato compagno di sventura, siciliano come lui.

Da quando è tornato a casa, nella sua villa di contrada Colla/Scarante, Calcagno non ha mai mancato di ricordare i due colleghi-compagni che sono rimasti uccisi in circostanze ancora tutte da chiarire, Salvatore Failla e Fausto Piano. I quattro compagni di sventura in oltre 200 giorni di prigionia forzata erano diventati fratelli e confidenti. Un legame speciale che si è rotto per sempre.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X