SANITA'

La «Ercp» è guasta, l' odissea dei pazienti

di

ENNA. Ci sono le strumentazioni necessarie sia all' Umberto I di Enna che al Ferro Branciforti Capra di Leonforte, nel quale si trova tra l' altro lo specialista competente ma i ricoverati sono costretti a recarsi con tanto di ambulanza e il chirurgo di turno a seguito al Vittorio Emanuele di Catania per sottoporsi a un intervento di Ercp, una tecnica complessa e invasiva che utilizza l' endoscopia e la radiologia per studiare i dotti biliari ed il pancreas e quindi per trattare alcune patologia ad essi legate. Questo avverrebbe mediamente due volte a settimana, con un dispendio di danaro per l' azienda ospedaliera ennese e disaggio per i pazienti quanto per gli stessi familiari che si mobilitano con mezzi proprio per recarsi nelle strutture designate.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X