reddito di dignità, TROINA, Enna, Economia
COMUNE

Reddito di dignità a Troina, al via l'impiego dei primi 12 beneficiari

TROINA. Con l’impiego dei 12 primi beneficiari, per la durata di 10 mesi a partire da lunedì 14 novembre prossimo, prende avvio l’erogazione del reddito di dignità, il contributo di accompagnamento economico a supporto dei cittadini disoccupati e ormai prossimi alla pensione, che il Comune assegna in cambio di piccoli lavori utilità alla comunità.

Il bonus mensile di 320 euro per i soggetti singoli e di 450 euro per quelli con nucleo familiare a carico, riservato agli over 65 che hanno compiuto i 62 anni di età e si trovano in condizioni di disagio socio-economico, sarà concesso a fronte dello svolgimento, per 64 ore mensili, di attività di custodia di aree verdi, giardini pubblici e impianti sportivi, piccola manutenzione di strutture pubbliche e aree verdi, lavori di pubblica manutenzione di edifici pubblici, scuole, edilizia residenziale e pubblica e pulizia di uffici e strutture comunali.

“Siamo contenti che finalmente il Comune possa concedere dignità e supporto concreto a tanti nostri concittadini ormai prossimi alla pensione – ha spiegato l’assessore ai servizio sociali Giuseppe Macrì – che diversamente, data la crisi economica e occupazionale, non avrebbero purtroppo alcuna possibilità d’impiego. Si tratta di un contributo economico temporaneo, ma al tempo stesso di un’iniziativa di grande valore e inclusione sociale, come previsto dallo svolgimento delle attività per la collettività”.

Il contributo, su istanza da presentare all’Ufficio di Segretariato Sociale, è destinato a tutti i residenti da almeno 2 anni nel comune di Troina, anche extracomunitari, che siano privi di occupazione e già iscritti nelle liste dei centri per l’impiego da almeno 1 anno, che non stiano percependo alcuna indennità di disoccupazione e che abbiano maturato un’anzianità contributiva minima di 20 anni.

“L’amministrazione – ha proseguito l’assessore Macrì – ha voluto attenzionare questa fascia di età di cittadini, stanziando a tal proposito dal bilancio dell’Ente 43.500 euro, rispettivamente 14.500 per il 2016 e 29 mila per il 2017, perché più degli altri hanno difficoltà a trovare lavoro. Contiamo per il futuro di emanare un nuovo bando e, sulla scorta delle risorse disponibili, di allargare la platea dei soggetti fruitori del sostegno economico”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati