stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca "Abusi sui piccoli disabili" a Enna, terapista nega tutto
IL CASO

"Abusi sui piccoli disabili" a Enna, terapista nega tutto

di
L’uomo è accusato di aver approfittato di alcuni adolescenti affidati a lui per compiere riabilitazione psicomotoria ma divenuti vittime di approcci sessuali

ENNA. Di fronte al Gip ha negato ogni addebito. E adesso il suo avvocato si rivolge al Tribunale del Riesame per chiedere la scarcerazione. Approderà in settimana a Caltanissetta il caso dello psicomotricista arrestato, ai domiciliari, per l'accusa di aver approfittato di alcuni minorenni disabili, affidati a lui per compiere terapie psicomotorie, ma divenuti vittime di approcci sessuali di vario tipo. Lo hanno annunciato fonti vicine alla difesa, a margine dell'interrogatorio di garanzia.

L'uomo, indagato per violenza sessuale aggravata e corruzione di minori, si è difeso a spada tratta, di fronte al Gip, respingendo le accuse. E intanto è trapelato qualche elemento in più su questa vicenda. È emerso che le presunte vittime, ad esempio, sarebbero degli adolescenti. Non è chiaro se siano stati già sentiti o meno dagli psicologi, ma sta di fatto che alcune famiglie si sono anche rivolte a degli avvocati, per tutelarli in veste di persona offesa. L'indagine è condotta dagli agenti della Sezione di Pg della Polizia di Stato in Procura. L'indagato è difeso dall'avvocato Maria Giambra, che ha già presentato il ricorso al Riesame. Dinanzi al Gip, nell'interrogatorio, lo psicomotricista ha definito i fatti insussistenti: nessun abuso e nessun comportamento sconveniente.

ALTRE NOTIZIE NELL'EDIZIONE DI ENNA DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X