stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Si difende il cancelliere sotto accusa a Enna: "Nessun illecito"
CONCUSSIONE

Si difende il cancelliere sotto accusa a Enna: "Nessun illecito"

di
Avrebbe chiesto indebitamente 500 euro a un avvocato per un inventario in un procedimento di interdizione: i legali ricorrono al Tribunale della libertà

ENNA. Dovranno occuparsi i giudici del Tribunale del Riesame di Caltanissetta del caso del cancelliere del Tribunale di Enna, A.G., fermato per concussione dai carabinieri, perché avrebbe chiesto indebitamente 500 euro a un avvocato per un inventario in un procedimento di interdizione. Al Tribunale di Libertà hanno fatto ricorso i difensori del cancelliere, gli avvocati Antonio e Francesco Impellizzeri, nonostante il Gip, revocando gli arresti domiciliari, abbia disposto solo una semplice sospensione dal servizio per due mesi. I difensori nel ricorso contestano tutto, partendo dal primo elemento: il reato ipotizzato.

Secondo loro, la Procura di Enna non dovrebbe contestare la concussione, ma un'ipotesi minore prevista dalla recente riforma dei reati contro la pubblica amministrazione: «Induzione indebita a dare o promettere utilità». Chiedono in pratica di derubricare il reato già adesso e procedere per un'ipotesi di gran lunga minore, fermo restando che la difesa si prepara a contestare anche questa: l'indagato, dinanzi al Gip, si è professato totalmente innocente.

ALTRE NOTIZIE NELL'EDIZIONE DI ENNA DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X