stampa
Dimensione testo
EPIDEMIA

Ebola, il medico di Emergency, migliora ancora: non ha febbre e respira spontaneamente

l paziente non è febbrile, respira spontaneamente ed è libero da supporti ventilatori. Interagisce positivamente con gli operatori e risponde alle domande. La prognosi, sottolinea l'equipe medica, continua tuttavia a rimanere riservata.

ROMA. Le condizioni cliniche del medico di Emergency infettato da Ebola e ricoverato all'Istituto Spallanzani sono ulteriormente migliorate rispetto a ieri. Lo affermano i medici che lo hanno in cura. Il paziente non è febbrile, respira spontaneamente ed è libero da supporti ventilatori. Interagisce positivamente con gli operatori e risponde alle domande. La prognosi, sottolinea l'equipe medica, continua tuttavia a rimanere riservata.

Già ieri le condizioni erano migliorate: il paziente respirava già ieri spontaneamente, senza necessità di supporto ventilatorio, interagendo con gli operatori e risponde a stimoli verbali.

Il paziente ha contratto il virus in Sierra Leone,  "ha iniziato un trattamento antivirale specifico con farmaco non registrato, autorizzato con ordinanza dall'Aifa, su indicazione del ministro della Salute". Il trattamento è stato già "utilizzato con successo in pazienti in Usa e Spagna". Lo hanno riferito i medici che hanno in cura il paziente in una conferenza stampa allo Spallanzani.

Il medico, siciliano, ha contratto l'Ebola durante la sua prima missione con Emergency in Sierra Leone. E' il primo paziente italiano infettato dal virus.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X