stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Valguarnera, tombaroli in azione nella riserva Russomanno
LA DENUNCIA AI CARABINIERI

Valguarnera, tombaroli in azione nella riserva Russomanno

di

Tombaroli in azione nella Riserva naturale orientata Russomanno-Grottascura-Bellia, che si estende nei territori di Enna, Piazza Armerina e Aidone. Lanciare l'allarme è la Federazione provinciale di Enna dei Verdi che, nei giorni scorsi, ha denunciato, ai carabinieri della Stazione di Valguarnera Caropepe, la presenza di scavi archeologici abusivi».

«Nel tratto compreso tra i resti della Torre degli Uberti e cozzo Siracusa - spiegano dalla Federazione che ha inoltre recentemente scelto come portavoce provinciale Alfonso Gambacurta - abbiamo verificato la presenza di notevoli scavi abusivi di tombaroli, messi in evidenza dal terreno bruciato e dalla mancanza attuale di sterpaglie. Alcune buche, da una sommaria analisi, sembravano recenti. L'intero sito archeologico appare devastato - sostengono - dall'opera di scavi abusivi.

In linea con l'appello lanciato a tutti gli escursionisti a segnalare, li dove insistono territori sensibili, resti archeologici o aree archeologiche sottoposte a vincoli, la presenza di scavi clandestini, al Nucleo dei carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, abbiamo chiesto al comando locale dei Carabinieri di voler sottoporre tali situazioni illegali alll'Arma dedicato e di voler allertare la Sovrintendenza regionale».

L'articolo nell'edizione di Enna del Giornale di Sicilia

 

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X