TRUFFA AGGRAVATA

Furbetti del cartellino, il Comune di Enna si costituirà parte civile

di

In città non si parla d'altro che dell'arresto di Dario Sposito e della sua compagna Maria Esmeralda Milano, che lavorano come Asu al Comune di Enna e che sono accusati del reato di truffa aggravata ai danni del Comune, perché insieme o anche separatamente timbravano il cartellino per poi abbandonare il posto di lavoro.

Il Comune, se si arriverà al giudizio penale, si costituirà parte civile. Lo dichiara l'assessore e vicesindaco Ilaria Marazzotta.

In cinque mesi di indagini portate avanti dai carabinieri di Enna i due conviventi che lavorano all'Ufficio dell'avvocatura comunale come Asu (Assegno sociale di utilizzo) sono stati sorpresi più volte con pedinamenti, osservazioni, videoriprese e intercettazioni, a timbrare il cartellino per poi uscire dagli uffici comunali per andare al bar, dal tabaccaio, al supermercato, in altri uffici a sbrigare insomma commissioni personali.

"Sicuramente come Comune abbiamo avuto da questa vicenda - dice la Marazzotta - un danno all'immagine e credo che proprio per questo dovremmo chiedere di poterci costituire parte civile. Tuttavia la costituzione non è pacifica visto che - continua - i due essendo Asu non sono nostri dipendenti, ma ma noi siamo solamente gli utilizzatori".

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X